FINE DEL CRISTIANESIMO (LA)

19.90

Autore: FUSARO DIEGO
Editore: PIEMME
Collana: SAGGI PM
ISBN: 9788856686210
Pubblicazione: 24/01/2023

1 disponibili (ordinabile)

COD: 9788856686210 Categoria:

Descrizione

La desacralizzazione e la scristianizzazione accompagnano il destino dell’uomo occidentale. La civiltà del capitalismo assoluto, che basa il suo dominio sul nichilismo relativista e sulla volontà di potenza tecnoscientifica, non solo non ha più bisogno di affidarsi, come un tempo, alla religione quale strumento di potere: deve necessariamente promuoverne l’estinzione. Con il suo richiamo al sacro e alla trascendenza, alla dignità dell’uomo come immagine di Dio e all’idea di una verità non utilitaristica, la religione cristiana resta infatti una “potenza frenante” rispetto al nulla della civiltà merciforme e del fanatismo economico. Per Diego Fusaro questo pernicioso processo di desacralizzazione si manifesta al livello più preoccupante nel pontificato di Francesco, e nel suo tentativo di scendere a patti con la civiltà dei consumi, assimilandone il lessico e la visione del mondo – anche se in salsa progressista. Come la perestrojka proposta da Gorbacëv per “ammodernare” il comunismo produsse il suo scioglimento nel capitalismo, così la modernizzazione combattuta da Ratzinger e difesa da Bergoglio non porta il cristianesimo alla sopravvivenza, ma alla dissoluzione. La fine del cristianesimo è un atto d’accusa filosofico contro la fede “liquida” e low cost , e insieme un invito a riscoprire il messaggio di Pasolini, secondo cui «l’opposizione al nuovo potere non può che essere un’opposizione anche di carattere religioso». Per Fusaro, contro lo spirito del tempo presente è irrinunciabile un’alleanza tra la Chiesa resistente al modernismo nichilista e le forze laiche anticapitalistiche che non intendono soggiacere al consumismo imperante.